lunedì 23 aprile 2012

La mia prima intervista. «Chi ha ucciso Babbo Natale» [sic!].

INTERVISTA PUBBLICATA SUL QUINDICINALE "GIOIA OGGI" DEL 9 APRILE 2012 A FIRMA DI ANNAMARIA COLOSSO.
"Il giallo è il nuovo poema epico". E' da queste premesse che Rocco Barbalinardo è partito per dar vita "Chi ha ucciso Babbo Natale", 230 pagine di indagini, di vittime e di colpevoli. Laureato in lettere antiche, con una tesi in letteratura latina, Rocco Barbalinardo, gioiese, e alla sua prima esperienza ufficiale da scrittore, ha voluto tributare il genere poliziesco. Quello di Maigret e Camilleri. Quello di Montalbano: "La lettura - dice lo scrittore - è sempre stata la mia passione. Ho cominciato a scrivere abbastanza presto anche se in maniera disordinata. Attraverso canali diversi poi, quali il cinema e la tv, mi sono appassionato al genere poliziesco. Di qui l'idea di scrivere un libro". Sette episodi che vedono protagonisti donne e uomini, divisi tra problemi quotidiani e storie di ordinaria violenza. Un piccolo passo verso quelle che furono le indagini di Maigret e che, in "Chi ha ucciso Babbo Natale", sono del commissario Loiacono. Edito dalla "Book sprint edizioni", disponibile in forma cartacea o come e-book, questo testo si porta dietro tutto il sapore di un genere d'altri tempi, spesso spurio, perché contaminato da vicende o da personaggi romanzati.
Ambientato in Puglia, "Chi ha ucciso Babbo Natale" è un tributo alla regionalizzazione della letteratura. Una "pugliesità" scandagliata attraverso luoghi e personaggi. Attraverso sette storie che non vogliono fare sconti. Ma giustizia: "Le trame - ancora Barbalinardo - talvolta, sono ispirate a qualche evento reale, e le vicende trattate si possono leggere in chiave di discorso morale, facendo riferimento a quella che è la responsabilità delle persone e delle azioni, al valore delle proprie scelte e non scelte". Un poliziesco puro, dove al centro ci sono le indagini e le inchieste. E la voglia di raccontare storie ordinarie che possono diventare straordinarie.

Nessun commento:

Cerca nel blog