lunedì 13 ottobre 2008

Quel grido.


Nella ricorrenza del trentennale dell'elezione al soglio di Pietro del Servo di Dio Giovanni Paolo II (16 ottobre 1978-16 ottobre 2008).

Quel grido: non abbiate paura!
La voce del Cristo sull'acqua.
E un invito ad aprire porte.
E non solo porte, ma finestre pure
e abbattere muri e confini e idee.
Una nuova ventata soffiò.
Un uomo venuto di un Paese lontano
si affacciò sulla Storia e sulle storie.
La sua parola nuova e antica
era destinata a far tremare.
Eppure non era il terremoto:
era il soffio leggero d'una brezza.
E folle di giovani, donne e uomini,
l'udirono. Piacque subito.
Quell'uomo che piegava senza spezzare
per molti era duro e difficile l'udirlo.
Per molti n'era stata scomoda la vicinanza.
Un dì di maggio qualcuno ci provò:
qualcuno sembrò uccidere la speranza
e tutti, sgomenti, lo vedemmo cadere.
Giorni terribili s'affacciaron sul mondo:
la mano dura di Caino colpiva Abele,
la mano d'un gentile aveva di nuovo tacitato il Figlio.
Ma il suo Baluardo era lì.
Totus tuus aveva detto un dì.
E si rialzò. Era il vespro di maggio.
L'aria scura del suo venerdì profumava già:
nella morte c'è già la nuova vita.
Sì, aprite le porte; spalancate le finestre.
La nuova vita è Lui, la Speranza dell'uomo.
E Lui che parla ancora con la voce d'un debole.
Da Nord, da Sud, da Est, da Ovest si leva.
Sì, è Lui che con la speranza dei folli
addita la via della vita.
E' Lui che dal buio delle mille croci quotidiane
addita la speranza della luce del Nuovo Dì.

Nessun commento:

Cerca nel blog